Spartito Pianoforte del Preludio XV - Johann Sebastian Bach

Spartito Pianoforte del Preludio XV (BWV 860) – Johann Sebastian Bach

Ecco il link per scaricare lo spartito pianoforte del Preludio XV (BWV 860) – Johann Sebastian Bach:

Ecco il link per scaricare lo spartito pianoforte di American Beauty – Thomas Newman:

[signinlocker id=”1813″]

SCARICA LO SPARTITO DEL PRELUDIO XV (BWV 860) IN FORMATO DIGITALE

[/signinlocker]

OPPURE

[sociallocker id=”1804″]

SCARICA LO SPARTITO DEL PRELUDIO XV (BWV 860) IN FORMATO DIGITALE

 [/sociallocker]

Accedi per scaricare lo spartito pianoforte del Preludio XV (BWV 860) di Johann Sebastian Bach

Accedi

Non sei ancora registrato? Iscriviti, è Gratis!

Iscriviti

2 commenti
  1. Lorenzo paviera
    Lorenzo paviera dice:

    Ciao, una curiosità!
    Volevo chiederti perchè in chiave di fa ci sono 16 semicrome (ovviamente se li scomponi, visto che sono crome in realtà) e sopra ci sono 24 semicrome? Non dovrebbero essere entrambi uguali i tempi? Cioè, nella chiave di Sol c’è scritto 24/16 e in chiave di fa un tempo in 4/4, come mai?

    Rispondi
    • Francesco Di Santo
      Francesco Di Santo dice:

      Perspicace osservazione in una domanda assolutamente legittima 🙂 La risposta è: sono due tempi dalla natura completamente diversa ma, in questo caso, concominanti. Mi spiego meglio: 4/4 è un tempo semplice, giusto? Quindi prevede 4 accenti principali (espressi in semiminime) suddivisi a loro volta “binariamente” (quindi due a due) in un totale di 8 crome, quindi 16 semicrome e così via… 24/16 non è un tempo semplice, ma un tempo composto. Più precisamente è il “Relativo Composto del tempo 8/8”. 8/8 prevede appunto 8 accenti espressi in ottavi (crome) ma suddivisi binariamente. 24/16 significa 8 accenti di crome(con punto semplice) ma suddivisi Ternariamente (tre a tre per un totale di 24 semicrome) in quanto trattasi di tempo composto. E indovina un pò quante crome può contenere il tempo 4/4? proprio 8, come il tempo 24/16. La differenza sta nel fatto che le crome di 24/16 prevedono l’aggiunta del punto semplice, mentre quelle in 4/4 no. La domanda nasce spontanea: perché creare tutto questo marasma scrivendo in due tempi diversi contemporaneamente? Evidentemente quel buontempone di Bach voleva una scrittura più netta e asciutta per esprimere le figurazioni secche e precise dei bassi della mano sinistra, altrimenti avrebbe dovuto mettere una croma con punto semplice (se avesse adottato il 24/16 anche alla sinistra) ma avrebbe mandato un messaggio decisamente meno chiaro rispetto alla soluzione che ha poi trovato. Spero di averti chiarito il mistero!

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.